Diritto al silenzio sulle qualità personali dell'imputato

La Corte Costituzionale con sentenza 111 del 5/6/23 ha dichiarato la parziale illegittimità degli artt. 64 comma 3 cpp e 459 cp, ribadendo il concetto per cui indagato o imputato devono essere sempre…


Retroattività dell’art. 131 bis cp

La Cassazione Penale sez. VI con sentenza 7573 del 21 febbraio 2023 ha sancito che l’articolo 131 bis come modificato dalla riforma Cartabia può essere applicato retroattivamente anche al reato di…


Decreto di citazione non può esser notificato al difensore d'ufficio se non c'è certezza del rapporto con l'indagato

La Cassazione con sentenza 13999/2023 ha chiarito che il decreto di citazione a giudizio non può essere notificato all’imputato presso il nominato difensore d’ufficio quando non vi è certezza…


Il reato di rave party

Il Governo con emendamento presentato in commissione giustizia del Senato, è ha precisato la norma sui rave party contestata per l’eccessiva indeterminatezza della fattispecie disegnata dal dl…


Cartabia, rito abbreviato riduzione di un sesto della pena anche se sentenza è antecedente alla riforma ma il termine per fare impugnazione scada successivamente alla sua entrata in vigore

Il Tribunale di Cosenza, sez. pen. con ordinanza 2 febbraio 2023 si è pronunciato in merito alla riduzione di un sesto della pena ex art. 442 comma 2 bis cp in caso di non impugnazione della…


Decreto di citazione non può esser notificato al difensore d'ufficio se non c'è certezza del rapporto con l'indagato

La Cassazione con sentenza 13999/2023 ha chiarito che il decreto di citazione a giudizio non può essere notificato all’imputato presso il nominato difensore d’ufficio quando non vi è certezza…


Deposito motivazioni Sezioni Unite in tema di applicabilità dell’art. 578 bis cpp ai fatti commessi prima dell’entrata in vigore

La Cassazione Penale, Sezioni Unite, 31 gennaio 2023 n. 4145, ha affermato il principio di diritto per cui la disposizione dell’art. 578 bis cpp ha, con riguardo alla confisca per equivalente e alle…


Indicazione delle norme violate per la condanna del medico

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza 46662/22 ha sancito che un medico non può essere condannato per tardiva od omessa diagnosi se non sono esattamente individuate le norme che si…


Indicazione delle norme violate per la condanna del medico

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza 46662/22 ha sancito che un medico non può essere condannato per tardiva od omessa diagnosi se non sono esattamente individuate le norme che si…


Il lavoratore può registrare i colleghi di nascosto ai fini di prova

La corte di Cassazione con sent. 28398 pubblicata il 29 settembre 2022 ha chiarito come il lavoratore possa registrare i colleghi, anche a loro insaputa di nascosto, al fine di precostituirsi una…