Ferimento animale d’affezione: no danno esistenziale

Le lesioni patite dal cane in seguito al fatto illecito altrui non fanno scattare il diritto al ristoro del danno non patrimoniale.

Leggere di più

È reato la falsa recensione su Tripadvisor

Scrivere false recensioni con una falsa identità costituisce illecito penale: è quanto ha stabilito di recente il Tribunale di Lecce.

Leggere di più

Separazione con prole, verso la bigenitorialità perfetta

Di pochi giorni fa è il provvedimento del Tribunale di Matera che potremmo definire storico per la portata innovatrice delle condizioni di separazione che omologa, in un periodo in cui si valorizza sempre di più la presenza paritetica dei genitori nella vita dei figli di coppie separate.

Leggere di più

Niente rimborso del volo per ritardo del treno

Finisce in Cassazione la vicenda di una signora che si era inizialmente rivolta al Giudice di Pace al fine di vedersi rimborsato il costo del biglietto aereo dopo aver perduto il volo a causa di un ritardo di due ore del treno che non le aveva consentito di arrivare per tempo in aeroporto.

Leggere di più

Reato di pedopornografia per il ragazzo che induce la fidanzata minore a scatti sexy

La Corte di Cassazione con sentenza n. 39039 del 28 agosto 2018 ha fatto il punto sul “sexing” confermando la condanna a tre anni di reclusione e 18.000,00 euro di multa, per il reato di pedopornografia minorile per il ragazzo minore che aveva indotto la fidanzata a sua volta minorenne a farsi fare scatti erotici.

Leggere di più

Cessione a terzi di immobile del fondo patrimoniale: quando è e non è opponibile al creditore

La Cassazione civile, sez. III, con la sentenza n. 21385 pubblicata il 30.08.2018 è intervenuta su un tema caldo in fatto di garanzia del diritto di credito: gli effetti della cessione di un immobile facente parte di un fondo patrimoniale costituito dai coniugi ricadenti sui creditori dei coniugi stessi.

Leggere di più

Piscina: a chi compete la sicurezza

Le recenti tragedie estive hanno richiamato la attenzione su chi debbano ricadere le responsabilità per gli incidenti verificatisi in piscina. Va rilevato come, nei riguardi dell’utente, il titolare della attività sia anche il garante della sicurezza con l’obbligo di impedire gli eventi lesivi sia a mente dell’art. 40 C.P nonché dell’art. 2051 c.c.

Leggere di più

Mancata indicazione nella certificazione sanitaria del luogo di degenza o di quello di visita

Con sentenza del 8/7/16 la Corte d’Appello, in parziale riforma di quella del Tribunale, rideterminava la pena irrogata a N. M. e C. P per furto aggravato il primo e resistenza e concorso nel furto il secondo.

Leggere di più

Danno biologico di lieve entità accertabile anche senza l’esame clinico strumentale

La Corte di Cassazione, Sez. VI-3 Civile, con la recentissima ordinanza n. 22066 dell’11 settembre appena passato, stabilisce con chiarezza che l'accertamento clinico strumentale obiettivo non sia da ritenere quale unico mezzo probatorio per il riconoscimento di una lesione micropermanente a fini risarcitori; salvo la sola e residuale ipotesi del caso della patologia, difficilmente verificabile sulla scorta della sola visita del medico legale, suscettibile di riscontro oggettivo pertanto esclusivamente attraverso l'esame clinico strumentale.

Leggere di più

Responsabilità medica: conseguenze dell’omesso consenso

La Corte di Cassazione distingue le ipotesi in cui il paziente lamenti un danno alla salute da quelle ove chieda il risarcimento del danno derivante dalla stretta lesione del diritto al consenso informato.

Leggere di più

Insetto in camera d’albergo: è inadempimento contrattuale

Il Tribunale di Roma, con una sentenza destinata sicuramente a far discutere (la n. 16070/2018 del 02.08.2018), affronta (con un taglio decisamente innovativo) la questione riguardante i contenuti degli obblighi contrattuali del tour operator.

Leggere di più

Concorso di colpa della madre che non tiene per mano il figlio nell’attraversamento stradale

La Cassazione con sentenza 29505/18 ha riconosciuto colpevole una madre di Messina per non avere tenuto per mano il figlio piccolo investito durante l’attraversamento della strada. La Suprema Corte infatti ha respinto il ricorso della stessa confermando la condanna per cooperazione nell’omicidio stradale del figlioletto di tre anni.

Leggere di più